roulette professionisti forum

Reply

Fotografia sul rosso e nero

« Older   Newer »
speculatore
view post Posted on 6/1/2004, 04:25 Quote




Per Silvio One:

se il problema sta nel fatto della tecnologia fatta di controlloti video e sensori, il problema è risolto adottando la "fotografia delle figure di 7" nel seguente modo:

Punto e Banco: fotografia sul Punto e Banco

30/40: fotografia sul Rosso e Nero - Colore ed Inverso
.

Ho fatto varie prove e sembra essere vincete anche a massa pari.

Se qualcuno che programma con il Pc, fosse così gentile da riferire il massimo esposto contiguo trovato durante una giocata, ringrazio, anche a nome dell'autore.

A presto.



 
Top
silvio one
view post Posted on 6/1/2004, 18:13 Quote




Giusto! Hai perfettamente ragione, Speculatore.
Alludevo infatti a questo quando parlavo di fare altro.
Una piccola cosa pero'. Non è facile trovare questi due giochi sempre ai tavoli, specialmente quelle due volte l'anno quando io riesco ad andare da quelle parti. E quando ci sono, sono terribilmente affollati. Ci fossero sempre avrei risolto il problema.
Anche in questo si vede la loro furbizia, pero'. Loro lo sanno molto bene che per esempio il 30 e 40 è il gioco in ASSOLUTO piu' EQUO che esista.....e lo praticano molto poco riempiendo invece i saloni di SLOT che ti succhiano pure il sangue. (per inciso anche le SLOT sono programmabili su vari livelli di vincita assicurabili: basta settare il software e ti danno a fine sera il 10% oppure il 20, il 30, il 50%...quello che decidi tu, insomma).

Comunque, Speculatore, sui massimi esposti, non ti fare illusioni, la foto si gioca se hai davanti 127 pezzi, non c'è storia. Poi il pezzo lo decidi tu da quanto dev'essere.
 
Top
silvio one
view post Posted on 6/1/2004, 18:24 Quote




QUOTE (AleTheBest @ 6/1/2004, 00:03)
...... ho tirato fuori dalla tasca 5 biglietti da 500 euro non cambiati (denaro contante), li ho buttati sul passè poco prima che la pallina cadesse, dopo il rien ne va plus.... e, meraviglia delle meraviglie, 30 rosso pair passè....



Come hai già detto tu sapientemente, hai almeno tre o quattro indizi che ti portano a capire che quel tiro era pulito (beninteso potevi perdere, ma perdere pulito).
1) Il fatto dei biglietti a tavolo che spesso, troppo spesso fa girare la testa anche a loro che NON VEDONO L'ORA DI TOGLIERLI. Infatti 500 euro fuori del casino' sono una fortuna, sul tavolo, un pezzo di plastica da 500 euro conta poco e nulla.
2) Il fatto che i biglietti a tavolo possono da lontano (dall'altro capo di una telecamera ad esempio) anche essere interpretati come una richiesta di cambio al croupier.
3) Il fatto che tu abbia puntato con la pallina oramai piu' che prossima alla caduta e quindi con molto poco tempo per prendere una decisione da parte dei controllori e coi croupier fuori gioco visto appunto che avevano gia' tirato e non sapevano cosa tu avresti puntato.
4) forse il fatto che non ti conoscono. Sappi che i croupier e quelli dall'altra parte delle telecamere hanno una memoria di ferro (lo vedi da come si ricordano per filo e per segno tutte le puntate e chi le ha fatte: la mia faccia la conoscono bene, anche io ricordo molti di loro e non sono propriamente un fisionomista)

Scusate ragazzi, ma io non mi fido piu'!!!
 
PM  Top
mailer
view post Posted on 6/1/2004, 19:26 Quote




silvio one
(per inciso anche le SLOT sono programmabili su vari livelli di vincita assicurabili: basta settare il software e ti danno a fine sera il 10% oppure il 20, il 30, il 50%...quello che decidi tu, insomma).

mailer:
non è che "si possono programmare" (come per dire che qualcuno le tara.. e qualcun'altro no..)
le slot sono tarate e basta (sono tarate per legge ad una percentuale fissa) perchè è proprio quello il funzionamento delle slot. Il gestore decide quanto trattenere e la macchinetta viene tarata per trattenere quello, per cui se tu ci metti dentro 1 euro o 100 milioni di euro, perderai sempre la stessa percentuale su quello che tu metti dentro. Poi alcuni gestori fanno tarare le macchinette in modo tale che tirino fuori dei premi più o meno grossi ogni giorno, ma è tutto proporzionato sulla base di quello che hanno incassato.

esempio..
da un po' di tempo alcuni casinò hanno cambiato "politica", tarando le macchinette in modo tale che buttino fuori un jackpot da 10 mila euro al giorno.. in questo modo garantiscono che 10 mila euro tutti in un colpo qualcuno li vince ogni giorno.. ma ovviamente si tratta di una cifra infinitamente inferiore a quello che incassano le macchinette.. solo che la gente queste cose non le capisce ed è convinta che con le macchinette si vince.. quand'e' che la gente si sveglierà e capirà che non puoi vincere ad un gioco dove è la macchina che decide se farti vincere o farti perdere? bah..

rimanendo in tema di macchinette..
c'e' un noto industriale italiano nell'ambito del "pesce" che frequenta i casinò di tutto il mondo, giocando solo con le macchinette.. arriva con 10 persone di fiducia.. ad ognuno da 50 mila euro.. e li fa giocare a 10 macchinette contemporaneamente.. fino a quando tutti e 10 non finiscono i soldi.. e quando uno dei 10 vince qualche jackpot o roba simile.. incassa la vincita e la ripartisce nuovamente tra tutti gli altri 9 giocatori di fiducia. lui sta solo a guardare e non gioca. potete ben capire che tipo di giocatori ci siano nell'ambito dei casinò..

altro esempio .. che con le macchinette non centra nulla..
c'e' sempre un "noto industriale italiano" che gioca nei casinò di tutto il mondo.. e ha una fissazione che ormai gli addetti ai lavori conoscono bene.. gioca puntando soldi e non fiches, perchè è convinto che le fiches portano sfiga. si fa preparare tavoli solo per lui.. e giocando.. punta mazzetti di soldi (centinaia di milioni al colpo), ma sempre soldi in contanti.. e il croupier deve pagargli la vincita sempre con altri soldi in contanti, sennò il tipo si incazza.. ovviamente i casinò sono ben contenti di esaudire ogni desiderio di un giocatore come questo :-)

e poi viene il sistemista che fa ore e ore di calcoli per puntare 1 euro al colpo.. e ci ragiona sopra per tutta la settimana..
sono i giocatori che ho citato sopra i veri benefattori dei casinò (insieme ai neofiti e agli sprovveduti) non il poveraccio.. studentello squattrinato o povero "professionista-sistemista" che gioca con criterio.. e quando perde si convince che l'hanno fregato perchè il suo sistema doveva funzionare per forza perchè l'ha acquistato dal venditore di turno che gli aveva assicurato che funziona

saluti
Mailer
 
Top
speculatore
view post Posted on 6/1/2004, 20:11 Quote




Per Silvio One:

ciao mi puoi cortesemente rispondere ai miei due messaggi privati che ti ho inviato nella giornata di oggi?

Thanks



Edited by speculatore - 6/1/2004, 16:50
 
PM  Top
silvio one
view post Posted on 7/1/2004, 04:14 Quote




Ragazzi, solo ora mi accorgo dei messaggi privati, chiedo scusa in pubblico. E rispondo stanotte stessa dopo che torno dalla passeggiata col mio cane, o al massimo domani. Anche la posta che mi avvisava dei messaggi l'ho scaricata solo adesso.


Mailer: io sapevo per certo che la percentuale di guadagno delle slot machnes era variabile e settabile. Tant'è che nei bar si viaggia molto piu' alti che nei casino' e non è un mistero.
Per quanto riguarda le macchinette e le "squadre" di persone che giocano contemporaneamente, ne ho incocciato uno quest'estate a Montecarlo che con la moglie e due segretari attaccavano 12 macchinette tutte rigorosamente dello stesso tipo (tre per uno) con dotazioni ingenti di monete da due euro. Cassette di cinquanta ROTOLI da cinquanta pezzi ognuno. Ogni cassetta metallica quindi conteneva 5mila euro. Anche lui consegnava cassette su cassette ai soci e soprattutto non incassava le vincite fino alla fine del budget. Andava in cassa e ripartiva.....Non so quanto gli possa fruttare, visto che per tutto il tempo che l'ho osservato era in perdita secca. Ma ti dico che mi convince molto poco. E' evidente che vanno in cerca o del jackpot o della combinazione massima visto che usano tutte le opzioni caricando al massimo le slot per ogni giro di manovella (5 pezzi). E comunque questa gente mi fa paura. Per il principio che ho che mi fa dire che se avessi duecentomila euro o piu' (come aveva il tizio in questione), da spararmi al casino', forse nemmeno ci andrei o se proprio fossi preso dal demone del gioco, mi metterei seduto al tavolo dello chemin. E' impensabile vincere grosse cifre a roulette con quel budget enorme a causa dei massimali dei tavoli. E credo che uno con quelle cifre da buttare sul tavolo non si contenti di vincere 10mila euro o anche 50mila.

Per quanto riguarda i biglietti al tavolo, ai croupiers danno "veramente" fastidio solo per un motivo. Che fanno RICONSIDERARE IMMEDIATAMENTE il valore di quello che hai in mano. Cosa che le fiches ti impediscono. Visto che a maneggiarle si perde ogni cognizione.
Ma se un giocatore cosi' non attribuisce nemmeno valore al denaro o per lui conta poco come i gettoni, ben venga. Gli farei anche la poltrona personale fossi il direttore della casa da gioco.
Ciao Mailer, molto interessante questo forum.
 
PM  Top
kruger
view post Posted on 7/1/2004, 19:39 Quote




X Silvio

La fotografia è tra i metodi più disastrosi che un giocatore possa adottare, e in questo caso il casinò non ha certo bisogno di truccare niente.

E' ovvio che matematicamente il sistema perde solo la tassa, ma per arrivare a questo risultato l'onda di frequenza di compensazione porta a scoperti che con una fotografia di 7 possono arrivare a molte migliaia di pezzi.

Chiunque può verificare su regolari permanenze di roulette già uscite, come quelle in rete di Amburgo. Basta con excell fare un programmino "sega"con la funzione " se", tipo se A8 = A1;1;0.....poi alla 14esima la somma delle 7 caselle precedenti deve essere 0, altrimenti hai perso.

In 5 minuti lo puoi sparare su 65000 permanenze e graficare, e vedi che roba, altro che roulette truccate questo modo di giocare lo usano i foraggiatori dei casinò.Per la cronaca (già verificato) fallisce anche la fotografia di 24.


X Etabeta

La questione dei colpi vinti e persi è un'illusione, ogni modo di giocare ha la sua ripartizione statistica , e i colpi vinti o persi corrispondono alla chance di gioco prescelta qualsiasi sia.

Se io gioco sul nero, tutti i colpi a nero saranno quelli vinti e quellia a rosso quelli persi, dunque basta monitorare direttamente la chance.

E questo è valido anche se gioco un sistema complesso e articolato.

E' lampamnte che io annoterò sempre al casino la chanche giocata e mi costruirò la mia permanenza personale e i conti li farò su quelle annotazioni...è l'ABC, ma non cambia niente.

D'Alost miei cari, mi paga da vent'anni e profumatamente.

Kruger
 
Top
AleTheBest
view post Posted on 7/1/2004, 22:49 Quote




Kruger, dopo averci detto come non giocare potresti anche dirci come appliche d'Alost, con che accorgimenti, se hai introdotto varianti personali, che considerazioni hai da fare.

Non che non apprezziamo il tuo intervento precedente, ma, se non supportato da controproposte, un silenzio era certamente più apprezzabile.

Saluti
 
Top
silvio one
view post Posted on 7/1/2004, 23:17 Quote




Kruger, a me è sembrato di avere detto piu' volte che non intendevo discutere questo sistema e che sono perfettamente consapevole che è un sistema cruento e disastroso. Ripeto, sono ingegnere e conosco il calcolo delle probabilita'.
Io non credo di parlare una lingua diversa dalla tua e da quella di tutti gli altri che hanno voluto farmi una lezione che già conosco e che non ho richiesto.
Io ho solo NOTATO (vediamo se stavolta è chiaro) che da un certo periodo in poi non si vince piu'. E prima si vinceva. La cosa coincide con l'intoduzione della tecnologia "spinta" nel casino'. Dato confermabile dal fatto che al quarto, quinto, e sesto colpo la foto non si ferma piu'.
Dal fatto che controllando tutte le permanenze personali fino al 90-93, non era mai uscita la foto. (Centinaia di permanenze). E dal fatto che in tutti questi anni non ho MAI riscontrato foto "positive" che hanno la stessa probabilità. Che avessero paura che la giochi al contrario?

Tutto qua. Se poi andiamo in cerca del sistema perfetto, ho dei dubbi che esista. Io vado raramente al casino' e non posso permettermi di fare il ragioniere col computerino per vincere tre pezzi a sera, visto che abito lontano dalle località di gioco e che quindi dovrei mantenermi pesantemente cola'. Oramai la tendenza è quella di "rubacchiare" due tre o cinque pezzi con grande fatica, una testa che scoppia e pagine e pagine di geroglifici. Questo va bene per chi puo' andare ogni sera. Altrimenti tra tessere d'ingresso, pasti e pernotti.......Leggo la Golden di Genova e il Sistemista.

Quindi il mio post era solo ed esclusivamente votato a ricevere testimonianze (come in effetti ce ne sono state) di persone che avevano notato qualcosa di strano negli ultimi dieci anni. Se poi vogliamo discutere la bonta' dei sistemi dal Garcia al D'Alembert o al Della Moglie, va benissimo. Ma non cerco prediche visto che lo so per primo che la "foto" non va. Ciao!
 
PM  Top
38 replies since 31/12/2003, 06:05
 
Reply